Cheonwon Palace, Corea del Sud: tra tecnica e design

Situata nei pressi di Seul, Cheonwon Palace è una sontuosa meta religiosa a Cheongpyeong caratterizzata da un utilizzo opulento di marmi, onici e pietre semipreziose. Sviluppata su un’estensione di circa 25.000 metri quadrati, è stata progettata con l’obiettivo di diffondere la cultura e l’educazione alla pace globale. La sua realizzazione è iniziata nel 2017 ed ha visto la partecipazione di numerose aziende italiane.

Caratterizzato da un’imponente cuspide monumentale alta 30 metri, il Cheonwon Palace vede il principale sviluppo edilizio nel corpo centrale, sovrastato da cinque grandi cupole, sotto alle quali si aprono 3 pavimentazioni lapidee semicircolari, una di 18 metri di diametro e le altre due di 6 ciascuna, caratterizzate da raffinati intarsi che rappresentano immensi bouquet di fiori, circondate da colonne e scalinate.

IL COINVOLGIMENTO DI FILA

Il progetto ha visto il coinvolgimento dello know how FILA per quasi 5 anni (dal 2018 al 2023): dal momento dell’analisi dei materiali fino all’inaugu­ra­zione del sito. Le minuziosità dei dettagli, le sfumature di colore dei pavimenti, realizzati con materiali di rara bellezza, hanno infatti richiesto l’impiego della professionalità di FILA anche durante le fasi pre-esecutive del progetto.

Le facciate del Palazzo - realizzate in marmo Omani - sono state pretrattate con il protettivo “PW10” (soluzione di anti-risalita pre-posa ecocompatibile che impedisce la contaminazione di agenti inquinanti dal substrato), sin dai processi di lavorazione del materiale, presso la cava in Oman. “PW10”, specificatamente formulato per l’uso con pietre naturali, marmo, granito, ha proprietà idrorepellenti e consolidanti e lascia traspirare il materiale trattato.

L’intervento di FILA è proseguito successivamente, durante le fasi di trattamento in cantiere, con il rinforzo della protezione delle facciate esterne del Palazzo Cheonwon su circa 20.000 mq con l’applicazione di “HYDROREP”, un trattamento di rinforzo protettivo, idrorepellente, che preserva dall’acqua e dall’umidità, proteggendo le fughe e difendendo dall’azione di degrado perpetrata dagli agenti atmosferici, senza alterare l’estetica dei materiali. Ostacola inoltre la formazione di muschi e muffe, ed ha una elevata capacità di penetrazione.

Le soluzioni FILA sono state utilizzate anche per la protezione delle immense aree esterne, realizzate in Granito Pocheon per un’estensione di circa 30.0000 metri quadrati, sulle quali è stata applicata la protezione idrorepellente “HYDROREP”. Questo granito è noto per la sua durata e per la capacità di resistere a sbalzi di temperatura estremi. Particolarmente versatile, è adatto a molteplici scopi paesaggistici, ma deve essere necessariamente trattato per prolungare nel tempo la propria bellezza.

Anche la pavimentazione interna del Palazzo, circa 3.000 mq di marmi (tra i quali Tassos, Volakas, Aristone e marmo di Carrara), ha subito una iniziale fase di pretrattamento con l’applicazione sui 6 lati del protettivo “PW10” per poi, una volta completata l’istallazione, subire un successivo trattamento superficiale con l’utilizzo del protettivo idro-oleorepellente, a base solvente “MP90”. Questi pavimenti sono realizzati come fossero 14 tappeti intarsiati di pietre e caratterizzati da motivi ramage neoclassici che raffigurano crisantemi, anemoni e rose sui toni del giallo e del bianco.

Leggi anche